Spank e company

Questa sera ho concluso un primo esperimento…borsette all’uncinetto con tema “Spank e company”! Dico primo perchè ho in mente di realizzarne con tutte le espressioni famose dei nostri simpatici amici.

L’ispirazione mi è giunta da un’altra amica creativa che pubblica su Facebook delle cose molto belle, non per niente si chiama “Cose Preziose”, e colgo l’occasione per ringraziarla! Ha realizzato i personaggi di questo cartone animato con il pannolenci, allora ho pensato di provare con la lana…e questo è il risultato.

Sono stati creati due quadrati di 12 cmx12 cm seguendo il punto alto (è più veloce), li ho uniti con l’uncinetto e poi inserito all’interno il cordoncino per la tracolla, incollandola con colla a caldo. Sono stati aggiunti i particolari con pannolenci e perline.

Cosa ne pensate? Il mio scopo era quello di regalarla ai bambini, ma credo che ne realizzerò una tutta mia…io adoro Spank!

Alla prossima!

Schema per ovetti

In considerazione delle numerose richieste a riguardo degli ovetti Amigurumi, ho deciso di dedicare una articolo allo schema che, naturalmente, può essere adattato a qualsiasi altro oggetto (privo di angoli) da rivestire (es. tappi di sughero, contenitori uova di Pasqua, uova di polistirolo di legno o carta, palline, ecc.).

Fino ad oggi, come avrete constatato dalle mie pubblicazioni, ho rivestito i contenitori degli ovetti kinder, mentre per quanto riguarda i Barbapapà ho aggiunto un uovo di carta per il papà e un contenitore dell’uovo di Pasqua per la mamma.

Lo schema che propongo è per rivestire i contenitori degli ovetti Kinder, ma aumentando o diminuendo le maglie e i giri si può adattare a qualsiasi altro oggetto sopra descritto. L’unico accorgimento è tener conto della grandezza del filo e dell’uncinetto, e lavorare a maglia stretta per avere un prodotto finale più compatto (comunque tenere sempre vicino un campione di misura per rendersi conto quando è necessario fermarsi con gli aumenti). 

Questa foto è un esempio di quando fermarsi con gli aumenti e continuare con le maglie normali.

Se lavorate con una forma ovale partire dalla parte sottostante, a metà del lavoro inserire l’oggetto e continuare a lavorare tutto tondo, così sarà facile capire quando aumentare o diminuire le maglie fino a chiudere.

Gli unici materiali che è necessario procurare sono: uncinetto 2,5 mm o 3mm, lana o cotone, contenitori, colla UHU extra forte, pannolenci, occhietti, e tutto quello che serve per renderli carini (es. perline, pon pon, campanellini, brillantini, fiorellini, ecc).

Iniziamo con la parte superiore del guscio.

1° giro – lavorare 6 maglie  basse nell’anello magico (se non sapete cosa sia andate su youtube e cliccate su http://www.youtube.com/watch?v=hCpdYkYgYI0 )

2° giro – eseguire 2 maglie basse in ogni punto per 6 volte

3° giro – alternare 1 maglia bassa, a 2 maglie basse nello stesso punto per 6 volte

4° giro – alternare due maglie basse, a 2 maglie basse nello stesso punto per 6 volte

5° giro – alternare 3 maglie basse, a 2 maglie basse nello stesso punto per 6 volte

Dal 6° al 12° giro eseguire 30 maglie basse, e una maglia bassissima nell’ultimo punto per chiudere il lavoro.

Parte inferiore del guscio

Lavorare con lo stesso procedimento della parte superiore dal 1° al 6° giro e dal 6° al 16°.

Terminati i gusci rivoltarli al contrario, nel guscio superiore lasciare il filo centrale (quello dell’avvio dell’anello magico) verso l’esterno per creare un gancetto. Distribuire la colla sull’ovetto e far calzare il guscio facendolo aderire bene alle pareti.

Decorare secondo la propria fantasia….inutile dirvi che i personaggi da realizzare sono infiniti, date sfogo alla vostra fantasia!

Buon lavoro con gli  Ovetti Amigurumi!

 

Ovetti Barbapapà

Come promesso nell’articolo precedente, oggi pubblico le foto del progetto a sorpresa…i mitici Barbapapà!

Devo dire che è stato abbastanza impegnativo, soprattutto realizzare il “papà”, ma sono abbastanza soddisfatta del risultato.

Ho cercato di rispettare colori e particolari (ho solo aggiunto un laccetto per trasformarli in portachiavi) e vederli tutti insieme danno un certo effetto di tenerezza….vivaci e simpatici personaggi di generazioni che ne portano ancora il ricordo nel cuore, e che qualcuno ha deciso (intelligentemente) di riproporre in commercio e in tv.

Ricordo ancora il ritornello…”Ecco i Barbapapà…li vedi trasformare come gli va!” che mito!

Alla prossima creazione di Amigurumi!

Ovetti insetti e…dintorni

Su gentile richiesta di una carissima amica, ho realizzato altri tre personaggi…una simpatica ape, una farfalla e un gufo!

Questa volta ho utilizzato lana in colori particolari: per la farfalla un filato multicolor, per l’ape ho giocato tra il nero e il giallo, mentre per il gufo ho scelto un blu con brillantini. Tutti i particolari sono stati realizzati con il feltro.

Ora ho in mente un altro progetto che richiederà un pò di tempo in più per il numero degli elementi, ma non voglio dirvi troppo…rovinerei l’effetto sorpresa!

Ovetti Amigurumi Timmy

Tra i tanti cartoni (educativi) che segue la mia piccola, ce ne è uno in particolare di cui va matta…Timmy, una simpatica pecorella che ne combina di tutti i colori.

Allora ho pensato di provare a realizzarla, in coppia con la sua migliore amica Civetta, con la tecnica degli Amigurumi, questo è il risultato!

Al prossimo progetto!:)

Ovetti Amigurumi animal

Vi presento gli altri ovetti del progetto settimanale…tanti piccoli e teneri amici da portare con sè come portachiavi, o portamonete.

Il materiale utilizzato è semplice lana acrilica per l’involucro, pannolenci, piume, perline e occhietti mobili che possono essere sostituiti da bottoni, ricamo o altro materiale di recupero.

Al riccio sono stati aggiunti gli aculei, sempre con la lana multicolor

e con l’aiuto di un ago.

Il pulcino

L’uccellino

Il maialino

La rana

Ovetti Amigurumi cartoon

Dopo l’esperimento delle piantine con la tecnica degli Amigurumi, questa settimana l’ho dedicata interamente alla trasformazione di un ovetto (il contenitore delle sorprese Kinder), uno dopo l’altro. In giro per il web ne ho visti alcuni, ma io non amo molto clonare allora ho preso spunto per la base (perchè comunque lo schema all’uncinetto non può essere cambiato), e ho creato nuovi personaggi.

Indovinate un pò chi sono stati i miei primi modelli? Spank, Micia e Torachichi…mitici cartoon della mia generazione, e che ancora oggi sono ritornati anche in commercio sotto forma di peluche, gioielli e oggetti vari.

Li trovo irresistibili…quante cose si possono fare con un pò di ingegno e fantasia!!! Ma vediamoli nel dettaglio.

Per realizzare Spank ho utilizzato lana acrilica bianca, panno lenci e due cuoricini di fimo per gli occhi. Può essere realizzato anche con del cotone bianco, ma io preferisco la lana per l’effetto del morbido al tatto.

Una volta realizzato l’involucro (uno per la parte superiore e uno per la parte inferiore), si incolla all’ovetto e si completa con i dettagli.

Micia, la mitica fidanzata contesa tra Spank e Torachichi, è stata realizzata con lana acrilica marrone chiaro.

Gli occhi, i baffi e le ciglia sono stati ricamati direttamente sull’involucro dopo averlo incollato, per le zampine, bocca e orecchie  pannolenci. Ho aggiunto un campanellino e un fiocchetto sul retro.

 

 

 

 

 

 

 

E infine, ma non per ultimo Torachichi, lana arancione con macchie ricamate, pannolenci per la mitica cravatta, gli occhi e le orecchie.

Dimenticavo…prima di incollare l’involucro sull’ovetto, ho lasciato un laccetto per appenderlo alle chiavi, in macchina, alla borsetta…simpatico ma anche utile, per contenere monetine o il gettone per il carrello della spesa!

Buona lavoro…e se avete bisogno dello schema, fatemi sapere!

Approfitto per salutare le mamme dei miei alunni…svelato il mistero, ora sanno a cosa sono serviti i contenitori che ho chiesto…grazie a tutte!

Piantine grasse…eterne!

Dopo il primo esperimento con la tecnica degli Amigurumi, oggi pubblico le foto dei lavori realizzati in questa settimana.

Ho dedicato un giorno per ogni piantina, e il risultato mi piace molto per tre motivi: posso crearne di tutte le forme, sistemarle in qualsiasi parte della casa e, soprattutto, sono eterne! Per chi non ha il pollice verde penso sia un ottimo suggerimento.

I colori danno importanza alla piantina stessa, giocando con le varie tonalità di filato verde, aggiungendo piccoli particolari come fiori secchi, spine, sassolini, coccinelle, rafia, l’effetto è quasi reale.

Volete sapere cosa ho utilizzato per dare l’effetto delle spine? Bè basta tagliare le setole di una scopa, bagnarle in una goccia di colla e infilarle delicatamente tra i fori della maglia…semplice, basta fare un pò di attenzione a non esagerare con la colla per evitare pasticci!

La settimana dedicata alle piantine è terminata, cosa ho in progetto per la prossima? Penso che sarò un pò misteriosa…ho già in mente qualcosa, ma devo prima fare le prove generali! Alla prossima…:)

Amigurumi…in vaso

Sicuramente è un nome stranissimo quello di questa tecnica all’uncinetto, ma se pensate che arriva dal Giappone…bè, non è poi tanto strano! Vi presento il mio primo esperimento, una tenerissima piantina grassa realizzata in un’ora e mezza circa. Quello che serve è lana, uncinetto, bambagia e…tanta fantasia per aggiungere elementi decorativi  che completino il tutto!

Carina vero? Ho in progetto di realizzare tantissime altre cose con questa tecnica, che presto vi presenterò su questo blog…c’è chi dice che chi conosce gli Amigurumi fa presto ad innamorarsene e a farne una vera passione, io sono all’inizio di questa conoscenza, ma vi posso assicurare che è un amore a prima vista. Provate a scrivere sulla barra di Google “immagini di amigurumi”, vi si aprirà un mondo colorato e tenero…del quale i creativi non riusciranno più a farne a meno! Alla prossimaaaaaaaaaa…:)